Franco Casalini, è scomparso l’ex coach dell’Olimpia Milano

di Gtuzzi 0

Spread the love

L’ex allenatore dell’Olimpia Milano, che diede un contributo fondamentale per guidare Milano sul tetto d’Europa e anche d’Italia, visto lo scudetto che è stato conquistato nel corso della stagione 1988-89, è morto.

Franco Casalini ci ha lasciato a 70 anni: tra i suoi innumerevoli ruoli, fu anche il vice storico di un grandissimo allenatore che ha fatto la storia del basket italiano come Dan Peterson, ma ebbe successo anche da spalla tecnica nelle telecronache delle partite di pallacanestro in tv.

Un modo assolutamente romantico di vivere la pallacanestro

Casalini è stato un allenatore che ha vinto tanto, che ha vissuto il basket quasi come un vero e proprio amore più che un lavoro. Un milanese sotto tutti gli aspetti, che sapeva sempre rispondere a dovere e a cui non mancava mai la battuta.

Senza ombra di dubbio, il capoluogo meneghino rappresenta la città in cui Casalini ha vissuto con tutto l’amore possibile il suo sport preferito, ovvero la pallacanestro. Casalini ha vinto ben quattro scudetti nelle giovanili, sempre con l’Olimpia, ma poi il suo ruolo fu quello di vice allenatore di una squadra che ha vinto tutto e di più. Tra i vari trofei che sono stati messi in bacheca troviamo la Coppa Intercontinentale, vinta nel 1987, ma restano nella memoria anche le finali disputate contro il Maccabi in Coppa Campioni nel 1988, così come la finale scudetto thriller nel 1989, con la Philips Milano sfidava l’Enichem Livorno, con un epilogo quantomai caotico e drammatico, con un canestro mai assegnato dagli arbitri.

In seguito, Casalini non si fece mancare anche altre esperienze, come ad esempio quella sulla panchina di Forlì, a Roma oppure in Svizzera. Da quel momento in avanti, poi, prese il via una nuova fase della carriera di Casalini. Fu sempre l’amore per il basket a spingerlo a rivestire il ruolo di commentatore tecnico in tv. Uno stile unico, dal momento che in men che non si dica emerse una notevole proprietà di linguaggio e una serie di argomentazioni tecniche di elevato profilo. Non solo, dal momento che, cosa confermata anche da tutti coloro che hanno sempre lavorato insieme al buon Franco, non mancavano mai disponibilità, dedizione e professionalità. Un po’ a tutti mancherà in maniera sensibile la sua notevole capacità di comprendere ogni aspetto di quello che succedeva sul parquet, ma anche di vivere la pallacanestro con un rapporto unico e meraviglioso, non solo come passione, ma come un vero e proprio amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>