Eurolega: a Milano non riesce l’impresa di battere il Cska a domicilio

di Gtuzzi 0

Prima sogna per oltre tre quarti, poi negli ultimi dieci minuti il brusco risveglio, ma è una Milano sicuramente in crescita in campo europeo, dal momento che è riuscita a tener testa per buona parte del match ad una delle favorite per la vittoria finale del torneo. Uno dei giocatori più decisivi è stato, guarda caso, un italiano, ovvero quel Daniel Hackett mai capito probabilmente a livello nazionale, ma tanto efficace e di alto livello con la maglia della squadra russa.

Nona sconfitta di fila in Eurolega contro il Cska per Milano

Per Milano è arrivata la nona sconfitta di fila contro i moscoviti, anche se stavolta il punteggio dice effettivamente come siano due punti persi solamente allo sprint finale. L’Olimpia deve ora prendere coscienza dei propri mezzi, visto che il testa a testa finale ha premiato il Cska, ma la squadra di Itoudis ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per avere ragione delle “Scarpette rosse”.

I russi vincono di soli tre punti, 78-75, un match in cui, come detto, a fare la voce grossa è stato Daniel Hackett, che ha letteralmente spazzato via ogni avversario: 28 punti e ben 6 triple messe a referto. Un altro contributo importantissimo per il Cska è arrivato dall’ennesimo ex Milano, ovvero quel Mike James il cui rapporto di amore/odio nel capoluogo lombardo è andato in scena nella scorsa stagione. Per la combo guard americana sono arrivati 17 punti e il premio di Mvp del match.

Anche a Milano c’era un ex illustre, ma in panchina: il riferimento non poteva che essere ovviamente per il coach Ettore Messina, che ha già allenato i russi. Come detto, la partita dell’Olimpia è stata veramente degna di nota, e ci sarebbe anche da mangiarsi le mani dopo un primo tempo di altissimo livello (32-39 alla pausa lunga). Milano è arrivata all’ultimo quarto con un vantaggio di due punti, 59-61, anche se già nella terza frazione si è visto il ritorno del Cska, guidata dalle triple di Hackett e dallo show di Mike James, con un parziale di 13-0 che ribalta completamente l’inerzia. Rodriguez è bravo comunque a tener saldo il timone di Milano, firmando un canestro a fil di sirena che significa ancora vantaggio. Un gancio di Scola vale il +4, ma poi è dall’arco che il Cska punisce i meneghini. L’Olimpia accusa il colpo e subisce ancora la verve di Hackett e la solidità di Hilliard, che firmano un parziale che porta i russi a tentare la fuga. Milano coglie un insperato contro-break con cui si riporta a -4, 76-72. Le occasioni per impattarla ci sono, ma la tripla di Nedovic si spegne sul ferro e altri due errori, uno al tiro e uno nella gestione del pallone, permettono ad Hackett di siglare il 78-72. La tripla di Gudaitis sulla sirena rende sicuramente più l’idea della partita equilibrata che c’è stata in Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>