Serie A: che colpo di Cantù a Milano, Virtus in testa da sola

di Gtuzzi 0

Cantù nel derby a Milano vince in maniera sorprendente con il punteggio di 83-89 e fa scivolare la squadra di Messina sempre più in crisi. Un derby tanto spettacolare quanto equilibrato, con la squadra meneghina che trascorre buona parte della partita sotto nel punteggio, per poi risalire la china e trovare, con orgoglio, il sorpasso, grazie alla grande prestazione del duo Micov – Scola.

Cantù ha la meglio in una partita tiratissima

Il problema, però, per Milano è che la produzione offensiva si inceppa sul più bello e per Cantù Pecchia e Clark si rivelano decisivi nei minuti finali, con la squadra brianzola che fa un grandissimo colpaccio anche in vista della lotta per la salvezza. Non solo, perché per la squadra canturina sono arrivati i contributi molto importanti anche da parte di un grande ex dell’incontro, ovvero Joe Ragland, che ha smazzato la bellezza di 11 assist, così come di Hayes, che ha portato in dote 15 punti, e Burnell, solido il suo apporto con una doppia doppia da 14 punti e 11 rimbalzi.

L’inizio del derby lombardo è particolarmente equilibrato, con le due squadre che si rispondono colpo su colpo, anche se Milano sembra effettivamente in continua difficoltà a limitare le transizioni offensive dei canturini.

Così, quando Burnell appoggia al tabellone il canestro del +4, 13-17, coach Messina è costretto a guardare alla panchina per trovare forze fresche, ma soprattutto nuove energie. Biligha è l’unico che riesce a dare uno scossone, ma Cantù riesce a conservare il comando del match, grazie alla tripla che Andrea La Torre piazza proprio sulla sirena che coincide con la fine del primo parziale.

Milano comincia a soffrire maledettamente a rimbalzo e Young trova facilmente il +6. Micov resta uno dei pochi in grado di scardinare la difesa canturina, ma anche di mettere in ritmo i propri compagni e cambiare qualcosa. In attacco l’AX continua a fare una grande fatica, basandosi solo e continuamente su soluzioni individuali. Ragland, dall’altra parte, continua a fare quello che vuole e Cantù, con il canestro di Clark, trova il primo vantaggio in doppia cifra del match, 31-41.

Ragland e La Torre allungano ancora, ma dopo la pausa lunga Milano torna in campo con un altro piglio, riuscendo a rosicchiare quasi tutto il vantaggio dei cugini, fino a tornare a -4. Rodriguez riporta con il naso avanti Milano al 30’ e quello che comincia sarà uno spettacolare ultimo quarto. Scola allunga per Milano, gli americani di Cantù rispondono colpo su colpo. Hayes trova il canestro del +3 al 39’ e nell’ultimo minuto Milano non segna più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>