Il Sassari verso il nuovo campionato di serie A

di Marco Cesto Commenta

Il Sassari, nel 2015, ha vinto lo scudetto ma poi ha attraversato una stagione da incubo. Questo potrebbe finalmente essere l’anno del riscatto dopo scelte sbagliate e un avvicendamento di ben tre allenatori. 

Il Sassari si sta avvicinando alla stagione 2016-2017 con un’estrema voglia di riscatto. Le scelte sbagliate dell’anno scorso e il fatto che si siano avvicendati in panchina ben tre allenatori, aveva demoralizzato la squadra. La stagione da incubo si è conclusa e l’ultimo dei tre allenatori, Federico Pasquini, è stato confermato come coach-general manager dopo un finale di campionato in cui la squadra ha finalmente risalito la china.

L’umore c’è e la rosa anche, adesso basta recuperare le energie sufficienti per affrontare un campionato in maniera eccellente e riportare a casa lo scudetto. Nella rosa è stato confermato Rok Stipcevic come unico straniero. Lui sarà il cambio del regista e affiancherà Darius Johnson-Odom che nel precampionato ha sfiorato i 18 punti di media. La squadra finora è composta da queste persone:

1 Darius Johnson-Odom (play-guardia, 1.87), 7 Trevor Lacey (guardia, 1.90), 8 Giacomo Devecchi (ala, 1.96), 10 Lorenzo D’Ercole (play-guardia, 1.93), 14 Brian Sacchetti (ala 2.00), 16 Tautvydas Lydeka (centro, 2.08), 20 Dusko Savanovic (ala, 2.04), 23 Josh Carter (ala, 2.00), 24 Rok Stipcevic (play, 1.86), 25 Gabriel Olaseni (centro, 2.10), 31 Michele Ebeling (ala-centro, 2.05), 32 Diego Monaldi (play, 1.85). Coach: Federico Pasquini.

Il precampionato – dal Corriere dello Sport

Il Banco Sardegna ha vissuto un eccellente precampionato, grazie alla possibilità di lavorare con il gruppo al completo (pochi infortuni, soltanto Olaseni è arrivato in extremis per gli impegni con la nazionale). Sassari vinto sette gare e ne ha perse soltanto due: una, contro Avellino, con un solo punto di scarto (e nella rivincita i sardi hanno vinto di 26), l’altro ko è arrivato contro la fortissima Lokomotiv Kuban. Sassari ha battuto due volte un’avversaria da Eurolega come il Galatasaray e ha superato anche Hapoel Gerusalemme e Alba Berlino, risultati buoni in vista della partecipazione alla FIBA Champions League. Fino alla conferma nell’ultimo test a Torino, con il +30 rifilato nella ripresa alla Fiat.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>