Siena manda Andersen a Mosca, arrivano Maestranzi e Kangur. Marco Crespi assistente di Banchi

di Redazione 0

Siena fra passato presente e futuro dopo il 6° scudetto. Fra poche ore, dopo la risposta di  Shaun Stonerook base dell’assemblaggio del roster  per la prossima stagione ma anche ipotesi riguardante la terna dei collaboratori di coach Luca Banchi il quale però, per quest’anno, avrà come Marco Crespi che ha portato Casale in A-1 e lavorato al settore nazionale e con coach Tanjevic ai tempi dello scudetto di Milano, per cui vanta un’esperienza internazionale di pochi alrtri allenatori e una mentalità da vice di ferro.

Tornando a Stonerrok,   l’ipotesi per trattenere il giocatore potrebbe infatti prevede una carriera di allenatore  e quindi l’elaborazione di  un contratto pluriennale garantito e  adeguato naturalmente alle risorse economiche inferiori di cui disporranno i club.

Kystof Lavrinovic vorrebbe chiudere la carriera a Siena e prendere la cittadinanza ma il suo contratto è pesante, tentenna anche Zisis caso mai fosse ceduto McCalebb sarebbe il play titolare.  Ci sono contratti pesantissimi da sciogliere, e come?. Mettendo i bigs sul mercato.David Andersen che tornerebbe a giocare con Ettore Messina nel Cska, soprattutto se Kirilenko torna nella NBA. McCalebb e Lavrinovic al Fenerbahce significa rafforzare troppo Pianigiani che adesso diventa un nemico sportivo. Si prospetta un ritorno di Milan Rakovic, prestato allo Zalgiris, e bisogna considerare che fin dall’anno scorso sono stati ingaggiati il play Maestranzi e l’estone Kangur, mandati in prestito a Roma e Varese.

Riuscendo a liberarsi di 4-5 contratti pesanti, la Montepaschi potrebbe puntare su Daniel Hackett come play perno del nuovo ciclo, dicono che Milano scarichi  Mancinelli ma è passato il tempo delle vacche grasse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>