L’Italia punta su Datome e Belinelli per l’Europeo

di Redazione 0

Spread the love

Mancano soltanto tre giorni all’inizio della grande avventura degli azzurri di basket. Rimaneggiati, probabilmente sfiduciati dopo le ultime sconfitte, ma consapevoli di giocarsi tanto. Mercoledì avrà inizio l’Europeo e per l’Italia è il momento di mettere da parte i cattivi pensieri, scacciare i fantasmi, e non pensare più al ‘passato’. La preparazione ha portato 5 vittorie e sei sconfitte. Queste ultime, però, Pianigiani e i suoi le hanno totalizzate di fila. Una dietro l’altra, nelle ultime otto partite.

La Nazionale però sa che può passare il turno, guadagnando la fiducia. Si deve partire da questo per migliorare quelle percentuali che sino ad ora hanno lasciato a desiderare. Pessime quelle da tre, in particolar modo. Il gruppo deve migliorare la difesa, peggiorata rispetto allo scorso anno, e deve aggrapparsi sulle spalle dei giganti.

Tra questi c’è Gigi Datome. Dopo aver saltato metà della preparazione per problemi fisici, Gigi ha dimostrato di essere legato a questo gruppo e alla prestigiosa casacca che indossa, tenendosi collegato e preparato spiritualmente fino al momento del ritorno in campo. Un rientro caratterizzato dalle due gare contro Bosnia e Grecia, in cui Datome ha disputato delle ottime prestazioni. Le percentuali, un pò come quelle di tutto il gruppo, non sono delle migliori. Pesa quello ‘0’ su ‘8’ tiri da tre. Datome può consolarsi con un discreto 7/17 % complessivo.

Lui può essere l’arma in più, la fiammella accesa nel team sulla quale scaricare al momento opportuno. Le tante assenze, unite alla sua esperienza, lo rendono leader.

Nel contempo, restando in tema di leader, il miglior realizzatore azzurro è Marco Belinelli. Ha 14.4 punti di media, malgrado abbia tirato male e ottenuto una media totale del 27%. In difesa lascia a desiderare, ma il ‘Beli’ è di un’altra categoria e all’Europeo può dimostrarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>