Il Maccabi è andato vicino alla firma con Kenyon Martin

di Enrico Campana 0

Intanto il Cedevita Zagabria ha tagliato Stinton dopo una settimana e firmato con Vlado Ilievski alla sua 11.a stagione di Euroleague e visto a Bologna, Roma e Siena.

Kenyon Martin (2,06, 35 anni a dicembre)  ha detto no al Maccabi che corre contro il tempo alla ricerca di un’ala forte esperto, in grado di giocare anche dentro,  per parare il colpo dell’infortunio al ginocchio di Pop Mensah Bonsu che dovrà essere operato e perderà tutta la stagione. Il contratto col moro inglese è stato risolto, è venuto a mancare anche Tal Burstein che dovrà andare a sua volta sotto i ferri (problemi ai fianchi) e per il debutto dell’11 a Malaga  ottobre e il big-match casalingo del 18  col Montepaschi, David Blatt deve riempire  almeno una delle due caselle vuote.

“Alla mia età posso accontentarmi di una parte secondaria in una squadra con grandi aspirazioni”, così ha risposto  Martin agli israeliani non avendo l’intenzione di ripetere l’esperienza cinese della passata stagione. Rientrato a NBA iniziata,   nel 2004 l’All Star di Cincinnati ha giocato 42 partite coi Clippers e faticato per inserirsi a buon livello  (22 minuti per gara, 5,4 punti e 4,3 rimbalzi) e gli è stato preferito Odom che si sentiva triste a Dallas.

Il motivo del rifiuto non è solo l’età (35 anni a dicembre) o i 110 milioni guadagnati nei 12 anni di carriera (9039 punti e 696 rimbalzi, 13,7 e 7,1 di media con le maglie dei Nets (4 stagioni) e Denver (7 stagioni) e l’ultima coi velieri. Il suo desiderio è di firmare per New York anche a minimo garantito, perché i Knicks mostrano un certo interesse per un giocatore che può giocare nel ruolo di Chandler e Melo Anthony e in difesa si fa sentire. Potrebbe essere in concorrenza con Josh Howard (Jazz) che però è più un’ala tiratrice.

I Knicks hanno mostrato interesse, ma la firma non è sicura anche perché è interessato anche a Rasheed Wallace, e non è detto che Kenyon Martin in un secondo tempo possa tornare suoi sui passi.

Intanto  l’ultimo a firmare nel Gruppo C dove gioca l’Armani è stato Vlado Ilievski (32, 1,88). Scontenti dell’americano Curtis Sinton, il Cedevita l’ha messo alla porta dopo una sola settimana e puntato sul globetrotter  mancino che un anno fa fece faville a fianco di McCalebb e Antic  contribuendo al 4° posto europeo della Macedonia e giocato per ben 11 stagioni in Euroleague con 6 squadre diverse, fra le quali le italiane Virtus Roma, Virtus Bologna e Montepaschi. La sua miglior stagione è satata nel 2008 a Siena, con lo scudetto e le Final Four.

[email protected]
Riproduzione Riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>