Vitoria amara, Montepaschi esce dall’Euroleague e progetta Firenze

di Enrico Campana 0

 Siena bocciata,  questo il tabellone  dei playoff :Cska-Caja Laboral, Olympiacos-Efes, Barcellona-Panathinaikos e Real Maccabi, tre spagnole, sempre due greche nell’anno del ridimensionamento, una russa, una israeliana e la novità dei turchi, ma si tratta dell’Efes e non è la squadra di Pianigiani anche lui fuori nelle Top16 ma ancor prima della sua amata formazione.

Niente vittoria in quel di Vitoria già tomba delle velleità dell’Armani nella Regular Season  e  stavolta della  delusione della Montepaschi  ha deposto le sue remote  e grottesche speranze (un’ipotesi prevedeva l’eliminazione anche vincendo di 30 punti…)  nel paese basco, trovandosi sotto di 24 punti  a tre quarti di gara e al solito schiacciata ai rimbalzi (47/28) perché  è impossibile raggiungere grandi traguardi internazionali senza un centro, e la squadra è stata costruita attorno a Kasun, tecnicamente del primo livello, ma non un fighter che poi se n’è andato dicendo che aveva nostalgia dell’aria di casa (ci vogliamo credere, o era una scappatoia contrattuale?) mentre con 5-guardie-5 forse vedeva pochi palloni, e poi ha ripiegato sull’inconsistente Beniamino Eze che ha un carattere gentile quanto il suo nome e dovrebbe fare un monumento a Siena e pagare di tasca propria per vestire quella maglia e chi gli ha concesso il passaporto italiano.

Finisce il ciclo d’oro di Siena, ma per l’amor di Dio lasciamo stare la favola dei budget inferiori,  allora questo varrebbe anche per il campionato dove la squadra era precipitata al 6° posto, e le varie Varese, Sassari e Roma  e magari anche Cantù sono sotto la soglia del budget generoso ancorato alla politica di immagine della banca e del territorio. E non crediamo che anche lo stesso  Caja Laboral  viva nel lusso avendo dovuto cedere per 1 milione di euro l’americano Oleson al Barcelona e transare il contratto col suo play americano titolare per ripiegare su  Cook in saldo da Milano. Inoltre c’è’  anche l’aspetto del beneficio di inventario, in quanto le cifre esatta del budget montepaschino potrebbero dover essere corrette all’insù, se risulteranno vere le ipotesi delle indagini della Guardia di Finanza partite due anni fa, con la maximulta  spiccata (e rateizzata con pagamenti ancora in corso)  perché l’italiano Eze  veniva pagato all’estero, riguardante il capitolo “diritti d’immagine e scouting” formula cara a diversi club.

La Montepaschi era stata la sorpresa della prima parte delle Top 16 grazie anche al calendario e a una freschezza che ha perso progressivamente perdendo 6 gare su 7 nel ritorno e scivolando in Turchia sulla buccia di banana del Besitkas, squadra-materasso, finendo così al 6° posto col peggior saldo fra tutte le aspiranti ai playoff e il rimpianto di non aver  saputo essere formichina saggia avendo gettato al vento la grande occasione di battere  in casa l’Olympiakos campione d’Europa e conquistare quel secondo posto alla sua portata,  che poteva portarla alle Final Four di  Londra.

La buona notizie comunque non mancano, e  sono il….  ruggito di Benjam Eze  (purtroppo post-gara…) che ha dichiarato tranquillizzando i suoi tifosi  che ora  la Montepaschi è pronta a vincere il campionato , peccato che dopo aver gratificato nel turno precedente  del record personale di punti e valutazione l’aborigeno Jaway col doppio record in carriera di punti e valutazione, si è ripetuto contro Maciej Lampe, globetrotter del basket fra Europa e NBA. Il quale  dopo un anno di stop per problemi fisici ha ritrovato la salute e festeggiato la vittoria che permette di acciuffare in extremis i playoff col record personale di punti (27) e rimbalzi offensivi (7) sul quale Eze potrebbe dire qualcosa.

Altra  notizia importante più che bella è che come tutti gli anni Minucci è già al  lavoro per spendere al meglio  la sua immagine e i  programmi della sua squadra, che chi lo dà in Turchia o a Mosca-Khimki  come general manager.II realtà, stante i problemi della banca a la rabbia di chi ha creduto nel titolo,  non è detto – si sente dire – che il Montedeipaschi revocare o transare  gli impegni presi dal precedente Cda la scorsa estate che garaantiva il prolungamento della sponsorizzazione fino al 2014, nei giorni scorsi l’uomo della scalata del basket senese  ha fatto una lunga giornata capitolina negli ambienti che contano (ricordate quando l’Espresso  ritrovò  l’agenda di Veltroni e il cognome del presidente senese figurava al pari degli statisti nei vari appuntamenti del premier foianese).

E chiesto udienza anche a Gianni Petrucci per illustrare il suo programma di crearee una squadra assieme ad altre forze della Toscana e giocare a Firenze. La storia dell’Euroleague  e i vincoli sulla capienza nasconderebbero magari il vero fine, quello di mettere radici nella città gigliata che saerebbe  pronta  con Renzi Matteo a investire nel Palamandela (il cui sponsor è il Montepaschi…) 500 mila euro per opere di migliorie  e aumento della capienza, operazione anche importante se non  fosse che il  cuore della città di Dante batte  la Fiorentina. E non sappiamo fino a che punto i senesi sarebbero disposti a lasciar andar  via la squadra dopo aver investito forte per 18 anni e aver acquistato la Licenza A dell’Euroleague per regalarla a Firenze

Siena vorrebbe invece vedere in campo alcuni di quei 40 giocatori giovani di cui il suo presidente estivo dichiarava di controllare. Non a caso l’ultima ha giornata delle Top16  ha dimostrato una delle mie tesi che portano al successo: chi capitalizza il lavoro sui giovani ha un vantaggio in freschezza, e mentre Siena  sembrava un moccolo di candela Papanikolau e Abrines, fra i migliori della generazione dei 20enni europei, sono stati determinanti per il successo dell’Olympiacos e del Barcellona fra tanti ce celebrati compagni. Sarà un caso?.

Comunque, tornando alla gara, Brown ha segnato da solo il 38% dei punti, lui in doppia cifra e gli altri sotto la soglia con quattro giocatori in segno meno: -4 per Rasic (0/1, 0/2), -3 Kangur (0/2, 0/2 e 5 falli), -2 Ress  (0/2), -1 Carraretto (1/1, 0/2) . Se in quattro segnano un solo canestro, e l’italico onore è rappresentato dai 6 punti di Hackett (italianissimo moro..) e 2 di capitan Carraretto, significa che la politica  “passaportistica” del settennato d’oro , che  come tutti i settennati  sta terminando rivelando qualche criticità   , può diventare un bomerang, perché oltre agli scudetti i tifosi vogliono anche qualcos’altro.

C’è stata una fiammata senese iniziale (4-8) e poi due strappi forti del Caja Laboral fra la fine del 1° quarto (19-3) e il 2° e dopo l’intervallo con Nocioni, Lampe e San Emeterio e  la gara di fatto è finita sul 69-45, uno scarto che richiama quelli di Tel Aviv e Barcellona e poi ricucito con un parziale in attivo nell’ultima frazione. Come si era detto alla vigilia, la gara era quasi inutile, forse bisognava provarci di più, gli infortuni sono solo una parte di questa storia, le altre ragioni deve spiegarle il coach e la società. Non c’è stata fluidità di gioco, sicurezza nei passaggi, è vero che il Caja Laboral ha difeso discretamente (da qui le 14 palle perse)  ma c’è stato braccino corto anche nel passaggio (13 assist di cui 6 di Brown contro 19) e con 19 rimbalzi in meno non puoi vincere a questi livelli e per fortuna la buona difesa ne ha portati ben 8 che, credo, siano il primato di giornata.

Questa l’analisi di Luca Banchi, il penultimo eliminato dei 5 tecnici italiano , per cui prosegue solo Ettore Messina che ha conquistato il 1° posto vincendo la dura battaglia di Atene col dramma di Diamantidis, il faro della squadra, incapace di segnare un canestro tutta la sera:

“Congratulazioni al Caja Laboral, ma anche alla mia squadra per la stagione di Euroleague. E ‘stato un viaggio molto intenso affrontato con un sacco di nuovi giocatori, alcune senza alcuna esperienza nella competizione. Abbiamo pagato con la stanchezza una stagione con 24 gare,  anche se eliminati  siamo riusciti a mantenere la credibilità di questo club e  a conquistare il titolo di campione a metà strada delleTop 16. Il Caja Laboral giocato una grande partita, con una difesa dura, noi non  siamo stati in grado di costruire situazioni per ottenere  buone percentuali di tiro. Quando Lampe ha preso il controllo il gioco è cambiato e l’ aumento dell’intensità ha fatto la differenza. Siamo però  riusciti a ridurre il margine dopo due contropiedi , è stata una risposta importante  e sono soddisfatto per lo spirito competitivo mostrato fino alla fine. “

[email protected]
Riproduzione Riservata

Top16, 14a giornata, la situazione

Girone A

Giovedì 4 aprile,ultima g: Zalgiris-Brose 90-81 (11769, Zalgirio Arena Kaunas,  a. 88-87, 2-0; 20 K.Lavrinovic 6/7, 8 r; 20 Gavel 3/5, 3/5, tl 5/6.MVP: 27 K.Lavrinovic); Unicaja-Alba 55-68  (4250, Arena Malaga, a. 67-65. 1-1 -10; 12 Zoric, 4/7, tl 4/5; 13 Foster 2/3, ¾. MVP: 16 J.Foster, Z.Morley); Panathinaikos-Cska  63-69  (18000, OAKA Atene, a.69-86, 2-0; 18 Bramos, 3/3, 4/7, 5 r, 0 Diamantidis 0/2, 0/5, tl 0/2; 13 Khryapa 2/5, 2/3 tl ¾, 7 r, 6 a, 11 Kaun 5/5, 6 r. , 9 Krstic 7/10 tl. MVP: 19 Khryapa, Kaun, Krstic); Real-Efes  86-66 (9156, Pab.Deportivo Madrid, a.72-74, 1-1 +18; 16 Llull 4/7, 2/5, 6 a, 15 RFernandez ¾, 3/6, 4 rec; 11 Farmar 4/8, ¼, 0 Vujavic 0/1, 0/4, T3 2/13, 15%. MVP: 26 R.Fernandez).

Classifica finale: 11/3 Cska; 10/4 Real Madrid,  9/5 Panathinaikos,  Efes  Istanbul; 7/7 Unicaja Malaga, 6/8 Zalgiris Kaunas, 4/10 Alba Berlino, 0/14 Brose Bamberg.

Girone B

Giovedì 4 aprile, ultima g.: Olympiacos-Khimki 79-70 (8000, Pal.Pace e Amicizia Pireo,  a. 87-82, +4; 21 Papanikolau, 1/3, 6/6, 12 r, 15 Spanoulis 3/6, 2/8, 0/3 tl, 10 Law,  3/8, 8 a; 19 Augustin, 8/10, ¾ tl, 8 r,12 Z.Planinic 3/7, 1/5 7 r, 4 a, 5 Koponen 1/3, 1/5,  0 Monya, 0/6 da 3, 5 r,  MVP: 37 K.Papanikolau ); Barcellona-Maccabi 74-71 (5199, Palau Blaugrana,   a.82-77, + 8; 21 Abrines, 2/2, 3/6, tl 8/8, 13 Tomic 6/9, 8 r; 16 D.Smith 5/9, 2/7, 7 r, 16 Hickman 5/6, 0/3, tl 6/6. MVP: 28 A.Abrines); Caja Laboral-MPS 76-64 (13528, Arena Buesa Vitoria,  a. 74-85, 1-1 +1; 15-11, 24-16, 18-15, 19-22; 27 Lampe, 12/19, 9 r, 3/3 tl, 13 Nocioni 2/9, 3/7, 13 r, 23 st, 13 San Emeterio 3/6, 2/5, 5 a; 24 Brown, 5/8, 3/8, tl 5/5, 3 r, 6 a, 5 pe, 8 Janning 1/1, 2/5, 5 a; MVP : 30 M.Lampe ). Venerdì 5 aprile: Besiktas-Fenerbahce (Abdi Ipecki Istanbul,  a. 72-78.

Classifica: 13/1 Barcellona, 9/5 Olympiacos, 8/6 Maccabi, Caja Laboral; 7-7 Khimki, Montepaschi Siena;  2/11 Fenerbahce, 1/12 Besiktas.

Oscar 14a giornata

MVP:  37 Kostas Papanikolau (Gr,Olympiacos) 21 p, 1/3, T3 6/6, 12 r

Marcatore:  27 M.Lampe (Pol/Sve, Caja Laboral), record personale

Miglior giovane: Alejandro Abrines (Spa, Barcellona) 21 p, 28 val, record personale

Miglior italiano: D.Hackett (Mps)

Miglior allenatore: Z.Tabak (Cro, Caja Laboral), X:Pascual (Spa, Barcellona), G.Bartzokas (Gre, Olympiacos)

Quintetto ideale:  R.Fernandez (Spa, Real Madrid), A.Abrines (Spa, Barcellona), K.Papanikolau (Gre, Olympiacos), V.Khryapa (Rus, Cska), M.Lampe (Sve/Pol, Caja Laboral).

La sorpresa: l’esplosione di Alejandro Abrines

La delusione:  triplo zero nel tiro di Diamantidis nella gara decisiva

Sotto accusa: l’inconsistenza di Mps sotto canestro

Chi sale:  Caja Laboral, Olympiacos Atene, Barcellona, Cska

Chi scende:  Montepaschi Siena, Khimki Mosca, Efes Istanbul

Gli Specialisti – Valutazione: 37 Papanikolau.  Punti: 27 Lampe.  Rimbalzi: 13 Nocioni .Assist: 8 Law, Huertas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>