Play off Nba 2012 Rajon Rondo punisce i piagnoni di Miami

di Charlie 0

 Boston cancella le 2 sconfitte e vince nel supplementare 4-2 in una serata difficile per LeBron (7 palle perse, prima uscita per falli) trascinata da Rajon Rondo che in Tv ha criticato i rivali:

“Si lamentano e piangono continuamente”.

Stanotte gara 5 fra Spurs e Thundercity. Boston non si piega e non si spezza. E  trascinata da Rajon Rondo, 15 assist e 15 punti, soprattutto i 3 punti del rocambolesco overtime,  festeggia il suo rilancio  grazie alla sua formidabile  vintage-gang, l’indistruttibile trio centenario Garnett-Allen-Pierce deciso più che mai stavolta a non traslocare dal campo alla storia. C’è naturalmente la conferma della  proverbiale capacità di rigenerazione del mito-Celtics, e c’è piùà gusto vincere così, alla ben  17esima gara di playoff, pareggiare le due vittorie casalinghe di Miami restituendo anche  ai rivali il  piacere satanico di vincere nell’overtime dopo la sfortunata coda di gara3  lanciando un messaggio importante. E cioè:  la sfida  continua, senza bisogno di  dover sottolineare un fatto non trascurabile: Boston  conduce infatti 5-3   nei confronti diretti di questa convulsa regular season, la squadra di Doc Rivers, da parte sua tanto tranquillo del risultato  da arrivare al Garden in ritardo per non aver voluto perdersi  l’entusiasmante  finale in  Tv della gara di golf che ha rilanciato  Tiger Woods.

Adesso insomma i  primi pretendenti al titolo NBA, per il pronostico, devono passaresul cadavere dei rivali dai quali hanno perso  3 volte  su 4 nella regular season..E se è vero che il finale è la sintesi di una stagione, ne vedremo ancora nelle belle nelle prossime 2-3 gare perché  si è trattato di vittorie squillanti,  come le ultime due, quelle del 10 e 24 aprile. Sono i due episodi che  richiamano infatti   la bellezza dei  115 punti che LeBron e Wade  si sono ritrovati sul groppone  nella loro Arena  e ai soli  66  – una figura barbina – racimolati al  Garden, le famose Forche Caudine della NBA dove quest’anno i bianchi hanno perso  4 volte su 4.

Niente match-ball , dunque, per la formazione di Eric Spoelstra che dopo il sofferto successo nell’overtime per il 2-0  con due giocate decisive di Haslem  ha confidato troppo sulla immensità di LeBron  e la ritrovata vena di Wade e  il possibile ritorno di Chris Bosh, assente da 9 gare per uno stiramento agli addominali, per le due sfide al Boston Garden che Boston ha vinto con le unghie e coi denti.

Gli Heat  non hanno  precise colpe, ma non hanno nemmeno fatto nulla di eccezionale. A cominciare dal suo allenatore dal sangue filippino che domenica notte ha ripreso a masturbare il quintetto togliendo Romy Turiaf, poco dotato certo come centro, ma benvoluto dai compagni, e dimenticandoselo in  panchina tutta la gara, bella coerenza davvero.Stavolta ha puntato  (con riserva…) su Joel Anthony, giocatore roccioso, senza un grande talento, pescato dalla D-League,   salvo dargli  15 minuti in tutto. Magari avrebbe fatto meglio  puntare direttamente  fin dall’inizio sul grintosissimo Udonis Haslem che sta giocando bene, continua a superare sorprendentemente i suoi limiti tecnici, e  ha chiuso con un’altra doppia importante. E  soprattutto tirato giù la bellezza di 17 rimbalzi,  un patrimonio davvero insperato se pensiamo che di fronte aveva Kevin Garnett,  a 36 anni il miglior centro di questi playoff con 20 punti e 11 rimbalzi di media

Dopo aver condotto di 18 punti, il finale  è tutto un colpo di scena.   Boston  segna solo 12 punti nel 3° tempo, Miami rientra in partita, 28 punti totali dopo l’intervallo bastano però a Boston che va sotto di 2, torna sopra di 3 e  viene graziata abbondantemente da Miami e dalla sorte, come dirà alla fine Rajon Rondo.  LeBron  lascia il campo per falli per  la prima da quando veste questa maglia. E senza il suo matchwinner Miami  spreca l’occasione di chiudere nei tempi regolamentari  quando per un fallo in attacco di Garnett  manca di concretezza nei  21” finali,  nel basket una vita. Passaggio dopo passaggio Wade non si prende stranamente il tiro decisivo,  e la sorte punisce l’ignavia concedendo a Miami sul  tiro forzato di Haslem, al quale segue la  delusione  soli 2  punti contro i 4  nell’overtime   che non è più spettacolo di basket, come quello del primo quarto, 57 punti, 34 a 23, il peggior scarto subito da Lebron e c. nel playoff.

Miami ha tirato leggermente  meglio, vedi il  tiro totale (42,5 contro 41,2) e dalla lunetta (70,9 contro 70) mentre il tiro da 3 (31,6 contro 33,3  di Boston grazie a Ray Allen e al sorprendente Keyon Dooling, 11 anni di carriera sulle spalle)  non è notoriamente il suo forte, ha perso 17 palle (contro 15) perché oltre all’uscita per falli e ai 4 liberi sbagliati su 8, LeBron ricorderà anche le 7 palle perse, ha dominato nel contropiede (14 a 7) e quindi segnato più in area (22 punti contro 11), nonostante gli 11 rimbalzi offensivi di Boston  ha tenuto (40-39) grazie ai 17 del sorprendente Haslem, e dunque alla fine Boston ha messo sul piatto della bilancia il peso dei suoi over, a cominciare dal suo capitano Pierce meno efficace del solito nelle due gare di Miami.

L’eroe della partita è stato Rajon Rondo. I suoi 15 punti e 15 assist (contro 22 totali!), i suoi guizzi imprevedibili, e i canestri decisivi di questa spettacolare trottola umana, fanno passare quasi in secondo piano i 44 punti di gara2. Perché, a parte un tecnico per aver tentato di scalciare Battier dopo un fallo subito,  nell’intervallo ha rilasciato alla Tv una dichiarazione pepata. “I giocatori di Miami si lamentano e piangono continuamente”. E ribadito il concetto a fine gara: “Non mi rimangio quelle parole, perché è proprio così”. Scontata una bella multa e l’omaggio del pubblico di Miami martedì sera, ma il “piccolo capo”  indiano Rajon Rondo  ha chiuso così una serata da grande  leader.

Stanotte gara5 a San Antonio, gli Spurs hanno vissuto di rendita nelle due gare Chesapeake Arena battuti da un grandissimo Durant e una squadra più determinata, e sbeffeggiati da quel cartello pesante dei tifosi di Oklahoma: “E questa sarebbe una squadra cattiva?” . Le due migliori squadre dell’Ovest si giocano il match ball.

[email protected]
Riproduzione Riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>