La Bennet Cantù segue le prove del coccodrillo Tyus con Israele

di Charlie Commenta

Le difficoltà incontrate da Israele nelle prime due gare delle qualificazioni europee, con la sconfitta in Montenegro e quella casalinga con l’Estonia nel supplementare  hanno avuto una ricaduta nell’innesto,  come naturalizzato, dell’americano Alexander Tyus. Il centro di 2,03 24 anni, dopo essere uscito dall’Università  della Florida si è fatto notare  nella prima stagione con  Maccabi Ashod  (13,3 punti, 8,3 rimbalzi) e non se l’è fatto scappare la Benetton Cantù che ha perso Shermandini.

Il coccodrillo (Gator) della Florida (ma è texano) ha segnato 8 punti col Montenegro, 6 con l’Estonia e 16 con l’Islanda e ha giocato complessivamente una media di 27 minuti, con 10 punti, 6,7 rimbalzi, 1 assist, 15/23 al tiro (65,2), 0/6 dalla lunetta 2,3 stoppate, 2,3 falli commessi e 2,7 subiti. Balzano all’occhio subito alcune sue peculiarità: il tiro da sotto (col 65,2% è il secondo nella statistica) e la grinta difensiva, la stoppata (è 6° con 2,3) ma dovrà lavorare molto sui liberi perché ne ha sbagliati 6 su 6.

Terminate le qualificazioni europee arriverà subito a Cantù perché essendo in preparazione con la nazionale israeliana non si è ancora allenato con la Bennet, un problema serio perché la squadra di Trinchieri sarà la prima a scendere in campo nelle qualificazioni di Euroleague.

Per ingaggiare Tyus che verrà tesserato come comunitario, il gm Arrigoni ha dovuto combattere la concorrenza degli spagnoli di Murcia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>