Eurolega: AJ Milano – Cska Mosca 71-65. Jaaber su tutti

di Charlie 1

Anche nel gruppo D di Eurolega, l’unica italiana ride. Serata positiva anche per l’Armani Jeans Milano che riesce a superare per 71-65 il Cska Mosca nella sesta giornata della fase a gironi.

Primo dato: l’Olimpia sa vincere e lo fa sempre più spesso e con sempre maggiore continuità. Era una partita fondamentale soprattutto per accrescere le chance del passaggio del turno: la squadra di Piero Bucchi non ha per nulla perso di vista l’obiettivo e condannato i russi alla quasi eliminazione.

Secondo dato: mancavano due giganti, all’Armani, del calibro di Maciulis e Pecherov e allora Ibrahim Jaaber (18 punti) e Stefano Mancinelli (15 a referto) sposano la causa e si immolano per tutti. E’ soprattutto la coppia a farsi motore, polmone e cuore. Terzo dato: finalmente interrotta la marcia negativa dei meneghini che al Mediolanum Forum avevano finora inanellato due sconfitte europee contro Lubiana e Panathinaikos.

Nel primo quarto l’Olimpia parte male e finisce sotto di 11 punti quando le lancette dell’orologio avevano girato appena otto volte intorno a se stesse: a garantire ai locali l’immediata reazione ci pensa Melli che, con 4 punti e 7 rimbalzi piazzati quasi subito riesce a essere determinante (su uno dei suoi rimbalzi, Mordente piazza la tripla del sorpasso, 24-23. Per lo stesso Mordente, il referto è di 11 punti totali).

La seconda frazione si chiude sul 31-28 per Milano, con Mosca tenuta a galla dall’ex Fortitudo Bologna, Jamont Gordon. Il terzo, invece, è giocato sul filo dell’equilibrio (35-33): l’Armani Jeans allunga con uno straordinario Mancinelli, che ne fa otto di fila, i moscoviti replicano con 5 punti consecutivi di Smodis (57-61 al 37′). La frazione finale vede il Cska portarsi in vantaggio in un paio di circostanze (prima la tripla di Khryapa, poi i punti di Smodis) ma Milano ha il suo asso nella manica. Signore e signori, Ibrahim Jaaber: centra tre triple mettendo in ginocchio i russi per il 67-64. Da lì in poi, consolidare il risultato è roba che riesce nel migliore dei modi.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>