Eurolega: Milano rimonta, ma poi perde in casa contro la Stella Rossa

di Gtuzzi Commenta

eurolega milano stella rossa

Una rimonta per riportarsi da -18 fino alla parità, ma Milano alla lunga paga le poche rotazioni dalla panchina. L’EA7 perde in casa contro la Stella Rossa Belgrado la terz’ultima partita in casa di questa Eurolega. La cornice di pubblico è resa pazzesca anche grazie ai 2500 supporters della Stella Rossa: tifo caldissimo e coreografie da urlo per sostenere gli ospiti. Se Belgrado ormai punta ai playoff, Milano non può che avere l’obiettivo di togliersi qualche soddisfazione nei rimanenti match da qui alla fine.

Eurolega: un’altra sconfitta per Milano subito sotto nel punteggio

Milano in Eurolega ha dovuto fare a meno di vari giocatori, così i serbi prendono subito in mano la partita, volando con l’ex Jenkins sul 4-10. I padroni di casa giocano un primo quarto sotto tono, limitati anche dalla difesa degli ospiti, che in un amen volano a +18, 10-28. Solo l’ingresso in campo di Pascolo sembra dare un minimo di energia ai compagni, che si riportano sul -13, 22-35, al 15’.

Kuzmic fondamentale per gli ospiti nell’ultimo quarto

L’EA7 continua a fare fatica anche nel terzo quarto, ma riesce comunque a rosicchiare continuamente qualche punto agli avversari. Cinciarini e Macvan mettono insieme un buon parziale che vale il -6, 45-51. La Stella Rossa si ferma, ma Milano non ne approfitta e, anzi, regala tre punti a Bjelica alla fine del terzo parziale, 48-58. Repesa ci crede e sprona i suoi, Pascolo è indemoniato e Cinciarini pure: il pareggio a quota 60, però, porta la firma di Hickman. Time-out immediato per i serbi, che ritornano in campo con un altro piglio. Fondamentale Kuzmic, con 11 punti nell’ultimo quarto, per ristabilire le distanze e mantenere vivo il sogno playoff degli ospiti. Finisce 71-78.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>